Intervista a Emilio Pomo: la Protezione Civile in Sicilia e SICOE

SICOE ha avuto il piacere di intervistare Emilio Pomo, ex-presidente ANPAS – comitato regionale Sicilia, esperto nell’ambito della comunicazione, formazione e gestione delle emergenze per la Protezione Civile. Scopriamo insieme quali sono le sfide che affrontano i volontari in Trinacria, e cosa può fare SICOE per migliorare e semplificare il loro prezioso lavoro.

La Sicilia è una regione tra le più belle e visitate d’Italia, ma il suo territorio purtroppo è soggetto a numerose calamità. Quali sono le principali emergenze che la Protezione Civile deve fronteggiare in questo scenario?

Le emergenze che affrontiamo in Sicilia sono di vario tipo, ma riconducibili a due macro categorie: eventi naturali ed eventi connessi all’attività dell’uomo. Nel primo caso si parla di terremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche, frane, alluvioni e incendi naturali; nel secondo caso si parla di problematiche causate dagli esseri umani, come ad esempio incidenti industriali o incendi boschivi.

Quali problematiche affronta quotidianamente un’associazione della Protezione Civile?

Le Organizzazioni di Volontariato dei cittadini si occupano di varie attività tra cui la previsione, che comprende tutte le operazioni volte a identificare gli scenari di rischio e a individuare gli indizi precursori di un evento, grazie anche al monitoraggio, alla sorveglianza e alla vigilanza in tempo reale del territorio.
Altra attività molto importante è la prevenzione, per evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti a una calamità naturale o causata dall’uomo.
Non dimentichiamo poi che la Protezione Civile interviene sempre in caso di soccorso, per fornire assistenza alle popolazioni colpite, e durante la fase di superamento dell’emergenza, dove si coordina con le istituzioni competenti per rimuovere gli ostacoli che impediscono la ripresa delle normali condizioni di vita.

SICOE può portare dei miglioramenti concreti nella gestione delle grandi emergenze?

Sicuramente SICOE può migliorare il coordinamento tra soggetti operativi nelle aree di intervento, un fattore molto importante in caso di emergenza. In particolare trovo molto utile la localizzazione dei volontari offerta dal sistema SICOE, che può essere decisiva per soccorrere un operatore in difficoltà oppure, semplicemente, per coordinare in modo più efficiente le operazioni sul campo.

SICOE può migliorare la gestione delle attività quotidiane dei volontari e la qualità del servizio?

Certamente, SICOE permettere di semplificare e snellire la burocrazia: basti pensare a quanto è semplice compilare un report con l’App SICOE. Quando ne dobbiamo scrivere uno cartaceo bisogna sempre ricordare e annotare una serie informazioni dettagliate, invece con l’App bastano pochi secondi, perché tutto viene registrato automaticamente grazie allo smartphone: orario di entrata e di uscita, tipo di attività svolte, ecc.